Bce: rischi gravi per l’economia

Dalla Banca centrale europea arriva anche un alert sulla situazione nel nostro Paese.

383

La pandemia di coronavirus, nonostante le prospettive “incoraggianti” date dall’avvio delle vaccinazioni, “continua a ingenerare gravi rischi per la salute pubblica e per le economie dell’area dell’euro e del resto del mondo”. E’ l’allarme lanciato dalla Banca centrale europea nel suo Bollettino economico. Secondo Francoforte la pandemia “continua a offuscare le prospettive economiche mondiali”. In particolare, nell’area euro, la seconda ondata e l’intensificarsi delle misure di contenimento a partire da metà ottobre “dovrebbero determinare un nuovo calo significativo dell’attività nel quarto trimestre, sebbene in misura molto inferiore rispetto a quanto osservato nel secondo trimestre di quest’anno”.

Dalla Banca centrale europea arriva anche un alert sulla situazione nel nostro Paese.  L’Italia, assieme a Spagna, Francia e Slovacchia, registrerà nel 2021 i disavanzi “più elevati” nell’Eurozona con percentuali superiori al 7,5% del Pil. Tuttavia, “in ragione della brusca contrazione dell’economia dell’area dell’euro, un orientamento di bilancio ambizioso e coordinato rimarrà essenziale fino a quando non si registrerà una ripresa duratura”. Il bollettino cita la Commissione europea, che per Belgio, Grecia, Spagna, Francia, Italia e Portogallo, ha chiesto attenzione alla sostenibilità di bilancio a medio termine. La Bce nota che “il sostegno di bilancio dovrebbe tuttavia continuare a rimanere su livelli elevati” e “finché l’emergenza sanitaria persiste e la ripresa non è in grado di autoalimentarsi, sarà importante prorogare le misure temporanee al fine di scongiurare la possibilità di variazioni brusche e significative”.

Intanto la buona notizia è che nel 2020 l’Italia è riuscita a spendere in tempo tutte le risorse del Fondo sociale (Fse) e del Fondo di sviluppo regionale (Fesr) e ad andare ben al di là dell’obiettivo fissato per evitare la clausola del disimpegno automatico che comporta la perdita dei finanziamenti europei.