Brexit: Theresa May chiude le frontiere

 Il 'White Paper' - afferma il Primo ministro britannico -  produce risultati in linea con il voto del popolo britannico, riporta il controllo a Londra" sulle politiche di migrazione e occupazione e allo stesso tempo "tutela la vita della nostra gente".

189

“Non sarà più permesso alle persone di arrivare dall’Europa nella remota possibilità che possano trovare un lavoro”. Lo scrive la premier britannica, Theresa May, su Facebook. “Accoglieremo sempre – aggiunge – i professionisti qualificati che aiutano la nostra economia a prosperare, dai dottori alle infermiere, agli ingegneri e agli imprenditori ma, per la prima volta da decenni, avremo il pieno controllo dei nostri confini”.

E proprio oggi è stato pubblicato sul sito di Downing Street il ‘White Paper’, il documento che in 98 pagine spiega i punti del nuovo piano per la Brexit, quello per cui si sono dimessi i ministri Johnson e Davis. Nel documento la Gran Bretagna chiede all’Europa un “accordo di associazione” che include un’area di libero scambio, un accordo più blando per i prodotti finanziari, una partnership sui temi della sicurezza e il proseguimento della partnership con le agenzie europee.  Nel documento è stata prevista tra l’altro la creazione di un consiglio ministeriale bilaterale che si riunirà due volte l’anno e un “robusto” organismo arbitrale per dirimere le questioni su commercio e politica. Il ‘White Paper’ – afferma il Primo ministro britannico –  produce risultati in linea con il voto del popolo britannico, riporta il controllo a Londra” sulle politiche di migrazione e occupazione e allo stesso tempo “tutela la vita della nostra gente”.