Da Reggio Emilia, un ricordo di Padre Sorge

A Reggio Emilia, come in molte altre parti d’Italia,-cattolici e non-  piangono con molti rimpiati e nostalgie per la morte del “formidabile “gesuita Padre  Bartolomeo Sorge.

458

A Reggio Emilia, come in molte altre parti d’Italia,-cattolici e non-  piangono con molti rimpiati e nostalgie per la morte del “formidabile “gesuita Padre  Bartolomeo Sorge. Era un amico personale, un padre spirituale, un pensatore (intellettuale sarebbe riduttivo) chiaro e profondo, ma anche scomodo per certi super-cattolici. Tutta la stampa nazionale ed oltre, avrà modo di tratteggiare i suoi profili di sacerdote e di studioso, attento al discernimento  all’ interno della Chiesa e della società contemporanea e all’analisi dei”segni dei tempi” secondo il portato innovativo del Concilio Vaticano II e che oggi Papa Francesco lo ribadisce ed aggiorna nell’enciclica Fratelli tutti. 

Sorge venne a Reggio Emilia diverse volte invitato non solo da esponenti della Chiesa Reggiana, ma anche ad incontri promossi, persino a livello politico, da realtà associative laiche. Ricordo in particolare quando la DC era sparita dal panorama politico, e il gesuita avuto il coraggio – e ci voleva molta tenacia in quei tempi – a richiamare i cattolici a riprendere lo spirito del “popolarismo “ sturziano in una fase difficile anche per la vita pubblica nel nostro Paese. Abbiamo avuto la sua disponibilità, fra le molte altre occasioni, a tenerci delle splendide “ lectio magistralis “ nella nostra “ città del Tricolore“. 

Ne ricordo solo due. Come  nel gennaio del 2004 al secondo Convegno degli ex-allievi della Scuola Superiore di Scienze Sociali, attiva al Centro del sacro Cuore a Baragalla dal 1959 al 1966 ,sul tema” Cattolici e impegno politico:ieri, oggi e domani “ e più recentemente nel gennaio del 2018 al Convegno promosso dal Circolo G. Toniolo e dall’ Ucid  sul tema “ Dalla formazione sociale all’etica civile. Un’esperienza innovativa dei Gesuiti a Reggio Emilia: quali insegnamenti ? “ di cui ,fra poco, usciranno gli atti. 

Il nostro Vescovo  Camisasca, nel porgere il suo saluto, in quella sua , purtroppo ,ultima venuta a Reggio, disse testualmente :“ Mi siano consentiti un ricordo speciale e un saluto grato ed affettuoso a padre Bartolomeo Sorge, la cui biografia meriterebbe da sola un convegno ! “.Ci auguriamo tutti che questo accada, specie in una fase della vita pubblica e culturale dove l’ insegnamento sociale della Chiesa – Sorge amava chiamarla così nei suoi numerosi testi in materia – pare negletto o dimenticato.