Danimarca: Un’isola per bandire gli immigrati

Sei mesi dopo le elezioni in Danimarca, il governo scandinavo, con il sostegno del partito xenofobo del PPD, ha rafforzato la sua aspra escalation in politica estera

216

Correva l’anno 2015 quando il paese scandinavo approvava e modificava le leggi con un messaggio chiaro: gli stranieri non sono i benvenuti. Con una popolazione di quasi sei milioni di abitanti, in quell’anno più di 57.000 immigrati e rifugiati sono arrivati ​​in cerca di protezione e opportunità, la cifra più alta registrata negli ultimi due decenni. La maggior aveva attraversato la rotta balcanica con l’obiettivo finale di raggiungere la Svezia , il paese che ospita il maggior numero di rifugiati pro capite in Europa, o la Germania, che ne ospita il maggior numero totale.

Da allora si sono susseguite leggi sempre più restrittive sull’immigrazione.

L’ultima novità annunciata lo scorso mese del governo di coalizione di centro-destra – con il sostegno incondizionato degli xenofobi del Partito popolare danese (PPD) è quella di bandire i rifugiati nella piccola isola di Lindholm (nel Mar Baltico) .

Nell’isolotto, di sette ettari e senza residenti permanenti, al momento esiste un solo laboratorio di ricerca per i virus. Il laboratorio inizierà quest’anno per essere ricondizionato per accogliere gli immigrati che dovrebbero iniziare ad arrivare nel 2021.

Su Twitter, il profilo ufficiale del Df ha pubblicato un cartoon che raffigura un uomo dalla pelle scura scaricato da un traghetto su un’isola deserta. Il testo: “Espulsi, i criminali stranieri non hanno motivo di rimanere in Danimarca. Fino a quando non riusciremo a liberarcene, li trasferiremo sull’isola di Lindholm. Saranno obbligati a rimanere nel nuovo centro di espulsione durante la notte e ci sarà la polizia tutto il giorno. Grande!”.

Ma il ministro delle Finanze Kristian Jensen ha precisato che non sarà una prigione e che un traghetto consentirà ai nuovi ospiti di Lindholm di recarsi sulla terra ferma, pur dovendo tornare sull’isola la sera.