E’ morto l’ultimo presidente del Soviet Supremo

Si è spento a 88 anni Anatoly Lukyanov, l'ultimo presidente del Soviet Supremo dell'Urss che finì in carcere perché accusato di complicità nel tentato golpe contro Gorbaciov dell'agosto del 1991 che accelerò il crollo dell'Unione Sovietica.

147

Si è spento a 88 anni Anatoly Lukyanov, l’ultimo presidente del Soviet Supremo dell’Urss che finì in carcere perché accusato di complicità nel tentato golpe contro Gorbaciov dell’agosto del 1991 che accelerò il crollo dell’Unione Sovietica.

Dal 1977 al 1983 era stato Capo della Segreteria del Soviet Supremo dell’URSS .  Fu anche un membro di spicco della potente Central Auditing Commission nonché segretario del Comitato centrale del PCUS dal gennaio 1987 e un membro candidato del Politburo dal settembre 1988 .

Fu eletto vicepresidente del Soviet Supremo dell’Unione Sovietica nel marzo 1989 e presidente l’anno seguente.  La sua ultima posizione politica fu quella di presidente della commissione per la duma sul diritto costituzionale.

Non partecipò alle elezioni del 2003 e divenne invece membro del consiglio di amministrazione della società OEG Petroservis .

Sarà sepolto al cimitero di Novodevichy a Mosca oggi.