Europa al bivio fra una pace possibile e la sua terza rovina.

273

 

Si deve valutare se lUcraina sia solo una tappa di un inarrestabile piano di espansione della Russia, da fermare con ogni mezzo, oppure se essa non sia piuttosto un pezzo di quella guerra mondiale a pezzi” causata principalmente da chi non intende riconoscere in nessun modo un nuovo ordine multipolare. Alla risposta che verrà data è appeso il futuro dellEuropa. Una questione cruciale che necessita di un autentico confronto fra posizioni diverse, perché è vietato sbagliare.

 

Giuseppe Davicino

 

La guerra è sempre un crimine, per sua natura. Non fa eccezione quella in Ucraina. Di fronte a tanto orrore serve un dibattito sulla scelta migliore da compiere. Siamo di fronte a un bivio di portata storica. Si deve valutare (con una decisione con cui l’Europa si gioca l’osso del collo, perché potrebbe comportare come averte l’amb. Marco Carnelos, il “terzo suicidio dell’Europa”, ovvero la terza devastazione dell’Europa a causa di una guerra mondiale) se Putin costituisca una minaccia estrema alla pace mondiale, un conquistatore seriale che, se non fermato con ogni mezzo, finirà per attaccare i Paesi baltici, la Polonia e ogni territorio che rientra il quel presunto disegno, oppure se la genesi di questa “terza guerra mondiale a pezzi”, di cui la questione Ucraina non rappresenta che un pezzo, abbia altre cause.

 

La seconda ipotesi, mi pare quella più fondata, non solo perché la prima porta dritti allo scontro diretto Nato – Russia, ma perché credo manchino i presupposti perché la prima ipotesi sussista. Dopo il 1989 di fatto gli Stati Uniti si sono trovati ad essere l’unica superpotenza rimasta. Nel resto del mondo da allora nessuno ha messo in discussione la leadership americana per diversi anni. Tempo nel quale gli Usa avrebbero dovuto costruire un ordine mondiale equo, riconoscere sfere d’influenza regionali, stabilizzare, integrare, rispettare e valorizzazione le diversità, agire in una logica win-win, di reciproco vantaggio, con il resto del mondo. Invece ha finito col prevalere una logica da Far West, sicuramente anche contro la volontà del popolo americano che di guerre continue non ne voleva più sapere dopo il Vietnam.

 

Così si è assistito a una globalizzazione selvaggia, a una speculazione finanziaria dai tratti talora banditeschi, che ha più volte razziato nel corso degli anni le principali borse asiatiche, alle guerre in Medio Oriente innescate con falsi pretesti e quasi sempre al di fuori della cornice della legalità internazionale, all’innesco della “minaccia” del terrorismo “islamico”, made in Cia, giunta all’apice con l’11 settembre e con successive ramificazioni degli attentati in Europa. E l’enorme concentrazione di ricchezza in mano di pochissimi soggetti privati, prodotta dalla combinazione tra globalizzazione dei commerci e digitalizzazione dell’economia, ha dato forza a una perversa idea di ordine mondiale, nella quale il resto del mondo non poteva riconoscersi e, a ben vedere, neanche i ceti lavoratori e popolari occidentali. Un disegno di dominio sull’intera umanità, che ha come protagonisti le famiglie che dominano la finanza, i vertici delle multinazionali degli armamenti, del digitale, della farmaceutica, della comunicazione, e che ha nel Forum di Davos uno dei suoi maggiori centri di elaborazione strategica.

 

Questi soggetti hanno dettato la linea ai governi occidentali in modo sempre più invasivo, usurpando il potere delle istituzioni, portandoli a comprimere salari, welfare, diritti e libertà fondamentali e a sostenere le loro guerre, necessarie all’ordine mondiale che stanno tentando di imporre.

 

Visto da questa angolazione credo risulti abbastanza chiaro che si è arrivati alla guerra in Ucraina nel 2014 e all’attuale invasione russa, a causa di una volontà che non ha voluto sentire ragione per la pace, essendo il suo obiettivo la capitolazione della Russia, considerata come il penultimo ostacolo (l’ultimo è la Cina) al governo mondiale dei miliardari che si prefigge di realizzare gli aberranti programmi transumani e post-democratici di Davos. A causa del fallimento degli accordi di pace in Ucraina l’Europa sta iniziando a pagare un prezzo altissimo in termini economici e sociali e rischia di venire trascinata in un grande conflitto. Ma non sarà la guerra della libertà contro la tirannia. E neanche Stati Uniti e Nato contro Russia. Sarà, e già è, la guerra dei Rothschild, dei Bill Gates, degli Schwab contro l’umanità.

 

Sarà la guerra fra i fautori del governo unico mondiale del club degli ultra-ricchi contro i sostenitori di un ordine mondiale multipolare, principalmente i Brics ma a cui auspicabilmente possono aggiungersi Stati Uniti e Europa. Se così stanno le cose credo appaia chiaro altresì che si potrà interrompere la corsa verso il baratro della guerra solo se avverrà, in tempo utile, un cambiamento nell’equilibrio dei poteri nel cuore dell’Occidente che restituisca alle democrazie il controllo sui loro governi. Un cambiamento che non potrà che comportare, da parte americana innanzitutto, la scelta per il multipolarismo e la presa di distanza dal disegno del governo unico mondiale di pochi poteri privati.

 

Se questa appare la posta, in gioco trovo ancora più preoccupante il fatto che non solo nell’intero sistema dei media non vi sia un reale dibattito fra posizioni diverse, se non in virtù di qualche caso personale, ma che il dibattito sia pressoché assente all’interno dei partiti e delle organizzazioni della società civile di qualsiasi natura. Voci dissonanti che si collegano, minoranze organizzate con portavoce credibili e preparati, contraddittori autentici sui media: la mancanza di queste cose credo comporti un impoverimento della democrazia e, purtroppo, temo, ci porterà a subire tragedie di cui avremo il rimorso di non aver fatto abbastanza per evitarle.