Ezio Tarantelli oggi

E’ ancora il tempo della riflessione creativa sull’attualità del lascito prezioso di Ezio Tarantelli!

112

Di Tarantelli ricordiamo l’impegno, profondo e creativo, per dotare l’economia politica e la politica economica di un modello in grado di governare e condurre a soluzione i complessi squilibri strutturali che zavorravano l’economia italiana negli anni settanta e all’inizio degli anni ottanta del secolo scorso: il deficit competitivo, il disavanzo della bilancia dei pagamenti, la caduta del cambio, il debito pubblico crescente, la diseguaglianza distributiva, l’aumento della disoccupazione.

Basti ricordare che nel 1980 il tasso di inflazione superava il 21%, che le retribuzioni lorde per addetto, nell’industria, crescevano al tasso medio annuo del 19%, che il tasso di disoccupazione superava il 10% e che tutto ciò trovava la propria, perversa, compensazione nella svalutazione del cambio che dal 1973 al 1979 aveva superato il 40%.
Tarantelli smontò il dispositivo, com’è noto, attraverso la predeterminazione della scala mobile e dell’inflazione, ovvero rescindendo la relazione, a doppia mandata, fra inflazione passata e presente, che operava con il meccanismo dell’indicizzazione, e tra inflazione presente e futura che operava attraverso le attese di una circolarità inflativa che si autoalimentava.

Il meccanismo veniva capovolto: dall’indicizzazione del salario monetario, che non ne arrestava la svalutazione, alla tutela del potere d’acquisto del salario reale e, ciò che non è meno rilevante, il controllo del tasso di inflazione rafforzava i margini competitivi ed apriva prospettive di crescita occupazionale.
Una politica dei salari e dei redditi che avrebbe dovuto estendersi all’Unione Europea per armonizzare i tassi di inflazione e ridurre l’instabilità dei tassi di cambio.
La sua ultima proposta fu l’ “ECU dei disoccupati” per spingere la domanda interna e creare occupazione in un Europa che contava oltre 15 milioni di disoccupati.
Strategia complessa e radicale finalizzata, nella sua visione, ad inaugurare il Modello concertativo fondato: Sulla condivisione e sulla gestione fra Governo e Parti sociali, ognuno per il proprio ruolo e nella propria autonomia, delle linee di politica economica;

Sulla centralizzazione della contrattazione collettiva (interconfederale, categoriale, territoriale, aziendale);
Sulla coerenza negoziale a tutti i livelli.
Tutti ricordiamo lo sviluppo della vicenda, dall’Accordo di San Valentino nel 1984, al referendum nel 1985, alla rottura sindacale ed al lungo travaglio che condusse all’abolizione della scala mobile nel 1991, all’Accordo fra Sindacati Confederali e Governo Amato nel luglio 1992 ed all’Accordo fra Cgil, Cisl, UIL e Governo Ciampi nel luglio 1993 che compendiava l’esito felice, decisivo e vincente dell’intero decennio.
Carlo Azeglio Ciampi, intervenendo come Presidente della Repubblica alla giornata dedicata, dall’Università della Calabria, al ricordo di Tarantelli il 7 febbraio 2001, disse di aver rifiutato di denominare l’Accordo del luglio 1993 come “Accordo Ciampi”, perché se ad un’appartenenza e ad un nome avesse dovuto essere associato sarebbe stato, per atto dovuto, quello di Ezio Tarantelli.

La concertazione inaugurata dall’Accordo del luglio 1993 consentì all’Italia, nonostante l’implosione della prima Repubblica, a fine decennio, di entrare nell’euro.
Tutta la vicenda si è sviluppata sotto il segno originario di Tarantelli. Un merito ed una riconoscenza storici che il mondo del lavoro ed il Paese continueranno a riconoscergli!
Tarantelli e la Cisl.

L’incontro fra Tarantelli e la Cisl non è stato casuale, né improvvisato, né tattico.
E’ stato un incontro fra due strategie riformiste, maturate in contesti ed in percorsi molto diversi, convergenti ‘ante litteram’.
Una costante del pensiero della Cisl è il nesso fra contrattazione e ruolo macroeconomico del sindacato.
Nel Progetto di risparmio contrattuale (fine anni cinquanta, inizio anni sessanta) si parte dalla contrattazione del salario di produttività e si arriva al Fondo comune di investimento dei lavoratori, alimentato dal versamento di quote volontarie di salario di produttività e finalizzato all’acquisto di azioni ed obbligazioni delle imprese per potenziare la crescita e la partecipazione dei lavoratori alle politiche di sviluppo.

Nel Progetto di welfare territoriale (metà anni sessanta) si parte dalla contrattazione, attraverso il prelievo dell’1% sull’imponibile salariale, per alimentare un Fondo dei lavoratori che finanzia servizi sociali di welfare, contrattati con i Comuni della Provincia di Milano, che confluirà, poi, fra il 2009 ed il 2011 nella Fondazione Welfare Ambrosiano.
Nel Progetto del Fondo di accumulazione (inizio anni ottanta) si parte dalla contrattazione, attraverso il prelievo dello 0,50% dell’imponibile salariale, per finanziare il Fondo dei lavoratori, con il compito di favorire la nascita e lo sviluppo di imprese (soprattutto cooperative) nel Mezzogiorno del Paese.

Contrattazione, contributo diretto dei lavoratori alle politiche di sviluppo del Paese, ruolo macroeconomico del sindacato, Patto sociale con i pertinenti livelli istituzionali di governo centrali e periferici sono gli elementi costitutivi ‘ante litteram’ del Patto concertativo tarantelliano che percorrono la storia della Cisl dalla nascita sino all’inizio degli anni ottanta.
Ad essi Tarantelli apporta: la straordinaria competenza e creatività in materia di economia politica, politica economica, econometria; l’originale capacità di rilettura critica delle implicazioni sociali e politiche della storia della ricerca e del dibattito economici;
l’autorevolezza che gli consente di criticare, ‘intra moenia’, i tabù ed i miti sindacali perdenti;

il contributo decisivo a fare del sindacato un attore riconosciuto di politica economica, capace di offrire alla sintesi fra interessi del Lavoro e del Paese la strategia vincente per cambiare il corso della storia.
Un incontro raro e fecondo fra la lungimiranza, il rigore ed il pragmatismo del miglior sapere accademico e la lungimiranza, il rigore ed il pragmatismo del ‘Sindacato nuovo’, la cui profonda seminagione continua a germogliare, a fiorire, a dare frutti.
Per un pensiero strategico Tarantelli non è solo politica dei redditi.

Nel capitolo settimo de ‘Il ruolo economico del sindacato’ sostiene, infatti, che in Italia lo “sfascio delle relazioni industriali” può essere rappresentato “nei termini di uno scarto, di una differenza sistematica (e cumulata…) tra le regole ‘domandate’ (RD) dal sindacato e dalla base, da un lato, (…) e le regole ‘offerte’ (RO) dallo Stato (blocco dominante), l’offerta politica, dall’altro. (….) Questa divergenza sistematica fra regole ‘domandate’ ed ‘offerte’ genera la ‘triangolazione conflittuale del paradigma del sistema socio-politico post keynesiano…”

Questa profonda asimmetria fra regole domandate ed offerte non riguarda, soltanto, il salario reale atteso, ma investe la complessiva domanda politica, dagli investimenti, ai servizi pubblici, alla riforma della pubblica amministrazione, all’edilizia popolare, alla riforma fiscale, all’articolazione democratica e partecipativa dei poteri dello Stato.
Tarantelli era convinto che il fallimento investisse il paradigma socio-politico, non il modello economico keynesiano che subiva le “specifiche incompatibilità del conflitto industriale”.
Oggi la contraddizione fra regole domandate dall’area del disagio e della crisi sociale sempre più vasta (dal lavoro autonomo, al lavoro dipendente, ai working poors, ai pensionati poveri, alla precarietà dei giovani e delle donne, alla povertà ed all’esclusione) e regole offerte dal ‘blocco dominante’ (l’1% negli USA, di cui l’1% ha finanziato il 40% della campagna presidenziale 2020) sta raggiungendo il livello di guardia della crisi delle istituzioni democratiche, che l’assalto al Campidoglio del 6 gennaio ha, drammaticamente, segnalato al mondo.

Per queste ragioni, è ancora, più che mai il tempo: del pensiero strategico lungo;
degli interventi strutturali per cambiare i dispositivi che distruggono valore economico, naturale e sociale, relazioni fiduciarie, legami solidali; dei codici genetici rigenerativi di armonia naturale e di responsabilità sociale.
E’ ancora il tempo della riflessione creativa sull’attualità del lascito prezioso di Ezio Tarantelli!