Ho scommesso sulla libertà

L’arcivescovo emerito di Milano presenterà alla Festa del libro di Pordenone “Ho scommesso sulla libertà”, in uscita giovedi’ 23 agosto per Solferino.

311

«Quando ero vescovo di Grosseto andavo a trovare i malati di Aids, lo stesso ho fatto con le donne del carcere femminile di Venezia. E nelle periferie di Milano…». L’apostolato del cardinale Angelo Scola, insieme ai ricordi di una vita e alla testimonianza intorno ai tre ultimi pontefici Giovanni Paolo II, Benedetto XVI e Francesco – uscito pontefice dal Concilio che dava per favorito al trono di Pietro lo stesso Scola – nelle pagine del libro “Ho scommesso sulla libertà”, un intenso racconto autobiografico in forma di intervista – curata dall’inviato di Avvenire Luigi Geninazzi.

Questo libro di memorie sarà presentato a pordenonelegge domenica 23 settembre, alle 11.30 in Piazza San Marco: con Scola e Geninazzi converserà il giornalista Alessandro Zaccuri.

Oggi il libro sarà presentato anche al Meeting di Rimini.

Teologo, vescovo e cardinale, Angelo Scola si racconta dunque per la prima volta in un’autobiografia che attraversa i grandi passaggi storici, prendendo in analisi i problemi più scottanti del presente, dall’immigrazione al dibattito sul fine vita. Ricorda che il papato di Francesco ha rappresentato «un salutare colpo allo stomaco per le Chiese d’Europa», ma denuncia i limiti di una «cultura dell’incontro» che rischia di rimanere solo uno slogan.

Il cristianesimo, ricorda, è anzitutto un’esperienza di libertà: una parola chiave che ritroviamo in tutto il corso della sua vita.