I limiti della grande politica e le potenzialità dell’autogoverno. Dal blog di “Dialoghi”.

Nella post pandemia conta forse più la politica locale, quella che si esprime nei territori e investe i singoli Comuni, che non la cosiddetta grande politica. Urge una ricostruzione dal basso. L’autore conclude il suo intervento sul sito della rivista dell’Azione cattolica italiana in un modo molto netto: “Come si ricostruisce una “comunità”? Il mezzo principale è l’educazione a tutti i livelli”.

161

Nella post pandemia conta forse più la politica locale, quella che si esprime nei territori e investe i singoli Comuni, che non la cosiddetta grande politica. Urge una ricostruzione dal basso. Lautore conclude il suo intervento sul sito della rivista dellAzione cattolica italiana in un modo molto netto: Come si ricostruisce una comunità”? Il mezzo principale è leducazione a tutti i livelli.

Tutti coloro che guidano unauto sanno che nessuno specchietto retrovisore è in grado di inquadrare quello che in gergo si chiama l’“angolo buio, che rimane invisibile al conduttore e che quindi costituisce un pericolo al quale bisognerebbe rivolgere la massima attenzione. Anche la politica o, meglio ancora, lazione dei governi subisce questo effetto ombra, i cui effetti si possono rivelare col tempo gravi e drammatici.

Sappiamo che in questi mesi si dovrebbe aprire una stagione di grandi riforme soprattutto con lutilizzazione del Recovery Fund. I problemi che saranno affrontati con i fondi europei sono, com’è stato in parte annunciato, molti e certamente fondamentali e si inquadreranno nellambito della governancedel dopo covid o, almeno, del progressivo décalage dellepidemia. Quelli che non è opportuno dimenticare o sottovalutare sono appunto gli angoli oscuriche gravano e graveranno sullazione governativa, rischiando di renderla insufficiente in punti non certo secondari.

Cosa sintende dire con questo? Basta forse qualche esempio: proviamo ad andare un poin giro per qualche scuola, per qualche ospedale, per qualche luogo di lavoro, grande o piccolo, e anche per qualche luogo di ritrovo o semplicemente per strada, per qualche quartiere non necessariamente di grandi città, ma anche di quelle più piccole, in cui la vita quotidiana sembra presentare meno effetti di deterioramento. Cosa si vede, così, a occhio nudo, senza bisogno dellaiuto di sociologi, psicologi, urbanisti? Si vedono strutture ancora oggi fatiscenti, invecchiate, che sembrano stare in piedi per una speciale grazia divina o per un caso fortunato. Ma non è solo questione di strutture fatiscenti che fanno vergogna a un Paese civile. Si vedono infatti anche, per le vie, comportamenti individuali e di gruppo improntati allindifferenza, alla superficialità, alla mala sopportazione del prossimo, addirittura alla violenza generata spesso da cause banali, ma talvolta sfociata in esiti estremi.

Ora, tutto questo serve semplicemente per dire che, al di là e al di sotto di ogni macroriforma resta ben solido un costume (in)civile, che assume mille volti differenti, ma i cui risultati convergono in atti, comportamenti, decisioni, atteggiamenti contrari alla ricostruzione di una buona e giusta convivenza. Qui nessuna azione della grande politica (chiamiamola così per intenderci) può arrivare, sia perché essa pare essere decisamente disinteressata a questo fondo oscuro della società, ma anche perché qui servono strumenti diversi dalle azioni di un governo centrale, specie se di composizione tecnica.

Qui serve, se non è già troppo tardi, lazione dei governi locali, i più vicini, almeno teoricamente ai bisogni dei cittadini: i comuni, le province, le regioni, insomma la micropolitica(se questo nome è adatto), che diventa grande politica nella misura in cui si piega alle esigenze e ai drammi della vita di ogni giorno.

Continua a leggere

https://rivistadialoghi.it/i-limiti-della-grande-politica-e-le-potenzialità-dellautogoverno