Il Fair play Day ricorda l’Olimpiade di Roma ‘60 (RomaSette).

144

 

Atleti e tedofori al Coni per i 60 anni della manifestazione. Viola (Coni Lazio): «Fu unavventura che rilanciò lItalia e la città». Le testimonianze dei protagonisti.

 

Alessandra Gaetani

 

La sesta edizione del Fair play Day ha un titolo emblematico: il dovere compiuto. Si celebrano i 60 anni dall’Olimpiade estiva Roma ’60. Oggi, 1 dicembre, a 60 anni (+ 1 causa pandemia), il Salone d’onore del Coni ne accoglie atleti e tedofori, chi vide realizzare l’impresa come Sergio Garroni, figlio di Marcello che fu il segretario generale. Si salutano come se si fossero lasciati ieri. «Era doveroso verso chi partecipò 13 anni dopo la fine della II Guerra mondiale», spiega Ruggero Alcanterini, presidente del Comitato nazionale italiano Fair Play.  «L’Olimpiade di Roma ’60 fu un’avventura che rilanciò l’Italia e Roma – sottolinea Riccardo Viola, presidente Coni Lazio -. Segnò la nascita dell’Olimpiade nell’era moderna con la tv che trasmise le gare. Lanciò lo sport in Italia. Nacquero i grandi impianti sportivi che abbiamo. Consolidò una valenza internazionale nata con l’Olimpiade invernale di Cortina ’56. I Giochi rappresentano anche la memoria: nel 1960 debuttarono le Paralimpiadi. Abbiamo presentato un documento per Roma come città inclusiva attraverso lo sport. Se avremo gli impianti su tutto il territorio cittadino sarà possibile candidarsi ogni 4 anni». Cos’è lo sport? «Valori che non moriranno mai. Un’isola felice per i giovani, per questo è importante a livello territoriale. Ora si faccia squadra contro il Covid-19».

Molti i cimeli della famiglia Garroni al Coni. Medaglie, annulli postali, pizze del film “La grande Olimpiade”. Sergio Garroni ricorda: «Ringrazio mio padre per l’educazione che mi ha trasmesso. Devo a lui quello che sono. In famiglia si respirava sport a prescindere dagli eventi. È scuola di vita, anche senza partecipare a un’Olimpiade». Sul palco salgono atleti e tedofori applauditi da tutti per la consegna del diploma commemorativo. Tra loro Abdon Pamich, Daniela Beneck, Salvatore Gionta, capitano della Nazionale di pallanuoto che vinse l’oro, in diretta da casa. Luciana Marcellini, la più giovane atleta di quell’Olimpiade, aveva 12 anni, indossa la divisa originale. Gareggiò nei 200 rana. Come si raggiungono questi traguardi? «Con il senso del dovere, me lo ha trasmesso mia madre – spiega Marcellini -.

L’etica di vita non cambierà mai: significa competere con chi è meglio di te e fare lo stesso. Pratico canottaggio alla Canottieri Aniene, sono stata la prima socia donna». Cosa c’è di diverso ora nel mondo dello sport? «Noi ci siamo accostati allo sport per lo sport. Adesso è una professione, poi arriva lo sport come gioco». Come erano viste le atlete? «C’era più uguaglianza con gli uomini. Eravamo due universi diversi ma uguali: la differenza si fermava tra chi valeva di più e chi meno dal punto di vista sportivo». Il ricordo più bello? «Aver saputo quanto valgo».

 

Continua a leggere

https://www.romasette.it/il-fair-play-day-ricorda-lolimpiade-di-roma-60/