Il futuro: tra promesse e illusioni

Viviamo tra promesse e illusioni, orfani di un passato che sembrava preludere a sviluppi diversi.

49

Articolo già pubblicato sulle pagine di https://azionecattolica.it

Viviamo tra promesse e illusioni, orfani di un passato che sembrava preludere a sviluppi diversi. Il punto sulla caduta delle certezze che avevano risollevato le sorti dell’Occidente nella seconda metà del Novecento, e che pensavamo avrebbero fatto da bussola per tanto tempo ancora: è quanto propone il Dossier di «Dialoghi» n.1- 2019 (Il futuro: tra promesse e illusioni), curato da Andrea Dessardo e Paolo Trionfini, fresco di stampa. Dopo aver riflettuto intorno alla tentazione prometeica del “Farsi Dio” (con il n. 4-2018), sui tentativi di superare la fragilità intrinseca dell’umano, il nuovo numero della rivista culturale dell’Azione cattolica indaga sulle cause che hanno spinto alla costruzione della moderna torre di Babele, eretta da un’umanità chiamata a fare amaramente i conti con la terribile perdita – non solo come somma della cancellazione individuale – della memoria.

Il Dossier ospita i contributi di Giovanni Grandi (Il «sovranismo psichico» dell’Italia incattivita), Pierpaolo Triani (Il “senso del noi”. Le promesse tra le generazioni), Giorgio Campanini (La nostalgia dell’“uomo forte”), Giuliano Amato(Realtà europea e limiti dell’antieuropeismo), Luigino Bruni e Alessandra Smerilli (Tra crescita e decrescita, ricchezza e povertà), Luciano Caimi (La promessa (o l’illusione) di una scuola democratica).

Oltre al Dossier, scorrendo l’indice del trimestrale dell’Ac propone l’Editoriale di Pina de Simone Ricordo dunque sono: la necessità di ricordare è tutt’uno con la capacità di essere e di sperare. Senza memoria, ogni proiezione in avanti acquista l’amaro retrogusto di un’illusione destinata a naufragare.

Seguono i contributi di Primo pianoEnzo Romeo Mai più. Tolleranza zero per chi viola gli innocenti: un report su l’Incontro “La protezione dei minori nella Chiesa” fortemente voluto da Papa Francesco. Le testimonianze delle vittime hanno toccato nel profondo i responsabili delle Conferenze episcopali. Tutti d’accordo sulla necessità di superare per sempre la “cultura del silenzio” che ha favorito gli abusi. Gianfranco Cattai Il volontariato è un’opzione politica: l’importanza del volontariato è messa in discussione da una semina di dubbi e tentativi di controllo dell’autonomia. Una risposta è che volontari, ong e soggetti del Terzo settore facciano tra loro squadra ancor più coesa e attiva.

Per la rubrica Eventi e idee, spazio all’Europa di oggi e di domani. Per Francesco Cherubini L’Unione europea: nodi e prospettive: il superamento della “crisi” strutturale dell’Ue passa attraverso una revisione dei Trattati, verso il rafforzamento dell’Europarlamento e nella prospettiva di un governo europeo svincolato dagli Stati membri. Per Vincenzo Antonelli La nostra Europa. Un destino comune da rigenerare: senza unità i popoli europei rischiano di uscire dalla storia: è la radice della lettera-appello di alcune tra le più importanti realtà del mondo cattolico italiano a sostegno dell’Unione europea.

Nutrita come sempre la sezione Il libro & i libri. Articoli di: Gian Candido De Martin su La democrazia del narcisismo. Breve storia dell’antipolitica di Giovanni Orsina; Lorenzo Zardi su Ricostruiamo la politica. Orientarsi nel tempo dei populismi di Francesco Occhetta; Monica Del Vecchio su Il corpo degli altri di Monica Massari; Silvia Pierosara su Aiutarli a casa nostra. Per un’Europa della compassione di Vincenzo Sorrentino

Chiude il numero la rubrica Profili con il contributo di Paola CavalieriRobert Schuman e l’anima dell’Europa. Il pensiero del grande politico francese, autore della Dichiarazione che porta il suo stesso nome, ancora oggi illumina il futuro dell’Europa. Una comunità soprattutto di cittadini, un’Unione fondata sulla diversità delle sue culture e forte per la diffusione nel mondo dei suoi valori