Il Parlamento svedese ha votato la sfiducia al governo di Stefan Lofven

Così si chiude l'era del modello socialdemocratico

191

Ieri il Parlamento svedese  ha votato la sfiducia al governo, la coalizione di minoranza “rossoverde” al potere da 4 anni.

Si apre dunque formalmente la crisi politica che potrebbe nascondere una grande incognita che introduce incertezze inedite.

Infatti ora inizieranno le consultazioni del presidente del parlamento per formare un nuovo governo, che sarà probabilmente guidato dal Partito Moderato, principale forza di centro destra.

Gli Svedesi Democratici, invece, non faranno parte del prossimo governo, visto che tutte le altre forze parlamentari hanno detto di non voler collaborare con loro.

Però se la situazione dovesse rimanere bloccata, la Svezia sarà costretta ad indire nuove elezioni entro tre mesi.