Il termine popolo, tanto caro a Papa Francesco, è ancora valido?

129

Pubblichiamo un ampio stralcio dell’articolo apparso in origine, qualche settimana fa, sul blog dei cattolici democratici “c3dem- costituzione, concilio, cittadinanza”. L’interrogativo da cui prende spunto, bene evidenziato nel titolo, riveste particolare importanza.

Nonostante che il Papa parli ripetutamente di popolo, da ultimo nella sua recente enciclica, questo termine continua ad essere del tutto trascurato; non riesce ad entrare nel nostro linguaggio politico.

Ma, anche se sembra scomparso, questo popolo deve pur esserci da qualche parte, se si fa così tanto parlare di populismo e se, immancabilmente, in tutte le elezioni ci si lamenta che la sinistra guadagni voti fra i ceti medi riflessivi e li perda fra gli strati “popolari”.

Il problema popolo nasconde una questione, anzi forse la questione più seria della politica attuale: come rivolgersi a una moltitudine di individui isolati, data la sparizione dei partiti di massa e la debolezza esangue dei cosiddetti corpi intermedi.

Ci si deve rivolgere a una generica opinione pubblica – sempre influenzata da eventi transitori, dai messaggi dei mass media, dallo influencer di turno, da promesse demagogiche – oppure è possibile rivolgersi a entità collettive realmente significative? E il popolo non è una categoria utile a questo riguardo?

Non è facile definire il popolo ed è lo stesso Papa a mettere le mani avanti: sarebbe frustrante ricercare una definizione “scientifica”, razionale.

Il Papa suggerisce che si tratta di una espressione mitica, che non significa vaga e astratta, ma che esprime piuttosto un contenuto potenziale, un orizzonte ideale, una tensione.

Il grande vantaggio di questo orientamento è che consente di includere nell’idea di popolo sia una dimensione universale (è rivolta a tutti, nessuno escluso), sia un accento particolare per la sua parte più bisognosa (gli strati “popolari”).

Il popolo, o meglio i popoli, rivestono poi il carattere di soggetti attivi: lo affermava già Paolo VI nella “Populorum progressio”. Lo ribadisce oggi con forze l’enciclica “Fratelli tutti”, la quale si lamenta che si attuino politiche per i poveri, ma mai coi e dai poveri e con progetti che uniscano i popoli.

Quando si parla di pace si pensa ad accordi tra stati e governi e non si pensa ai popoli: ma come è possibile, ad esempio, pensare a un accordo tra Israele e Palestina, se i due popoli continuano a odiarsi?

Naturalmente la partecipazione del popolo non è scontata, va promossa e si devono creare le condizioni che la favoriscono: non si può pensare di cambiare la società senza cambiare le persone e viceversa.

Venendo al mondo cattolico, non va dimenticato che quando Leone XII ha promulgato la “Rerum Novarum” ha sì compiuto un atto storico, dando inizio al movimento sociale cattolico, ma non certo senza una grande sofferenza: con quell’atto riconosceva di non rivolgersi più all’intero popolo, ma solo a una parte, al popolo cattolico, una parte tra le altre.

Si trattava di una decisone inevitabile, per la formazione sempre più minacciosa di forze avverse, ma i papi hanno ben presente il problema e da allora continuano a proporre un discorso universale, che arrivi a tutti, che comprenda ogni popolo.

Naturalmente il popolo di Dio è inserito nel popolo umano e fra loro vi è uno scambio reciproco fruttuoso; il popolo cristiano porta (o dovrebbe portare) uno spirito che illumina la vita umana, il popolo offe la ricchezza della vita quotidiana e sociale con tutti i loro problemi, la vita reale che deve trovare un senso anche spirituale.

Continua a leggere

https://www.c3dem.it/il-termine-popolo-tanto-caro-a-papa-francesco-e-ancora-valido/