Istat, oltre 60 milioni i residenti in Italia

L’Istituto nazionale di statistica ha stimato che al 1° gennaio di quest’anno i residenti siano diminuiti di oltre 90mila unità rispetto all'anno precedente (-1,5 per mille), mentre sono 55 milioni 157mila i cittadini

140

L’Istituto nazionale di statistica ha stimato che, al 1° gennaio di quest’anno la popolazione si sia attestata a 60 milioni 391mila residenti, oltre 90mila in meno sull’anno precedente (-1,5 per mille). Le persone di cittadinanza italiana sono scese a 55 milioni 157mila unità (-3,3 per mille). I cittadini stranieri residenti sono 5 milioni 234mila (+17,4 per mille) e rappresentano l’8,7% della popolazione complessiva.

Nel 2018 sono state conteggiate 449mila nascite, ossia 9mila in meno del dato registrato nel 2017. Se poi si confrontano le cifre con i bambini venuti alla luce nel 2008, a distanza di due lustri si contano 128mila neonati in meno. Sempre in riferimento alle nascite, il numero medio di figli per donna (1,32) risulta invariato rispetto all’anno precedente e l’età media al parto continua a crescere, toccando per la prima volta la soglia dei 32 anni. Lo scorso anno i decessi sono stati 636mila, 13mila in meno rispetto al 2017. In rapporto al numero di residenti, nel 2018 sono mancati 10,5 individui ogni mille abitanti, contro i 10,7 di due anni fa. Il saldo naturale nel 2018 è stato negativo (-187mila), risultando il secondo livello più basso nella storia dopo quello del 2017 (-191mila).

Nel 2018 è stato registrato un nuovo aumento della speranza di vita alla nascita. Per gli uomini la stima è di 80,8 anni (+0,2 sul 2017) mentre per le donne è di 85,2 anni (+0,3). Il saldo migratorio con l’estero, positivo per 190mila unità, ha registrato un lieve incremento sull’anno precedente, quando risultò pari a +188mila. Ad aumentare sono state sia le immigrazioni, pari a 349mila (+1,7%), sia le emigrazioni, 160mila (+3,1%). I flussi in ingresso, dovuti principalmente a cittadini stranieri (302mila), hanno toccato il livello più alto degli ultimi sei anni e soltanto 40mila emigrazioni per l’estero, su 160mila complessive, hanno interessato cittadini stranieri. Ma il dato che dà da pensare è quello degli espatri che vede grandi numeri tra gli italiani di tutte le età, risultando più numerose le partenze che non i ritorni. Nel 2018 infatti,  sono stati 47mila i rimpatri e 120mila gli espatri.