Le aziende e la sostenibilità

188

Il 21 aprile 2021 la Commissione Europea ha pubblicato il “Corporate Sustainability Reporting Directive – CSRD“, una proposta di direttiva che richiederà alle imprese europee di divulgare una serie di informazioni su rischi e impatti relativi ai temi di sostenibilità delle proprie attività aziendali.

 

Pierlisa Di Felice

 

Il testo della Commissione aggiorna e integra la direttiva sul reporting non-finanziario attualmente in vigore (Direttiva UE 2014/95, nota come Non-financial Reporting Directive-NFRD), che è stata recepita in Italia con il Decreto Legislativo n.254 del 2016, operativo dal 1 gennaio 2017.

Il primario obiettivo della direttiva è quello di razionalizzare ed incrementare la qualità, la quantità e la comparabilità delle informazioni riguardanti il tema della  sostenibilità che vengono divulgate dalle imprese. Tali informazioni possono essere altresì utilizzate dagli investitori per integrare le strategie d’investimento e soddisfare gli obblighi di informativa verso la clientela.

Si tratta di un passo fondamentale verso la finanza sostenibile. Infatti ad oggi la mancanza di dati su fattori sociali, ambientali e di governance rappresenta un ostacolo all’efficacia degli investitori nell’integrazione della sostenibilità nelle proprie scelte di investimento.

La direttiva dovrà essere applicata da tutte le imprese di grandi dimensioni e da le PMI quotate sui mercati europei a eccezione delle micro-imprese, cioè quelle con meno di 10 dipendenti e con fatturato o bilancio inferiore a €2 milioni.

Alle imprese sarà richiesto di divulgare informazioni sia sui rischi ambientali e sociali a cui sono esposte, sia sugli impatti provocati dalle attività aziendali sui fattori di sostenibilità.

Con questa proposta ci si avvia verso l’affermazione del concetto di sostenibilità nelle politiche europee.

D’altro canto la sostenibilità rappresenta un elemento centrale dell’azione degli “Italici” ed un valore di riferimento per l’azione della nascente “Italica Global Community”.

Il “risveglio italico” non può prescindere  dal partecipare alla ricerca di adeguate soluzioni  a fenomeni globali che stanno sfidando nell’attuale fase storica i cittadini di tutto il mondo.

Sono estremamente attuali e sotto gli occhi di tutti i deleteri  effetti del cambiamento climatico: il caldo record sulla costa pacifica di Canada e USA ha portato disastri ambientali ed ha causato numerosissimi morti, così come hanno causato morte e distruzione!le inondazioni!provocate dalle copiosissime piogge che si sono abbattute in Germania, Olanda e Belgio.

Anche la Pandemia Covid-19 che dal 2020 è arrivata repentina nelle nostre vite, stravolgendone, ed ancora non superata, rappresenta quasi una nemesi della Natura torturata e violentata.

Obiettivo fondamentale di “Noi Italici” deve essere quello di farsi promotori di politiche atte a ricostituire un equilibrio tra le esigenze dell’umanità ed il rapporto con la Natura e le sue risorse, per il conseguimento indispensabile di uno sviluppo sostenibile. A tal fine è fondamentale prendere  coscienza della svolta epocale in corso e  della necessità di risposte possibilmente globali per adeguare al scenario le politiche di settore.

D’altronde il tema della sostenibilità ha un crescente impatto sull’agenda politica e sui comportamenti di famiglie, imprese, istituzioni. Il “Corporate Sustainability Reporting Directive – CSRD, quando  avrà completato il suo iter approvativo, rappresenterà un passo fondamentale per l’applicazione di nuove pratiche in grado di coniugare crescita e performance economica, sostenibilità sociale e ambientale: una norma che renderà più vicini i concetti di ecologia ed economia, termini con matrice semantica comune che fino ad oggi sono stati in totale antitesi. La Comunità Italica plaude ad iniziative di tal fatta che permettono di affermare le politiche di sviluppo sostenibile, fondamentali per    soddisfare i bisogni del presente senza compromettere le generazioni future.

 

 

Pierlisa Di Felice

Socia fondatrice della Associazione Svegliamoci Italici