Le dimissioni di Boris Bondarev fanno tremare Putin.

610

‘Putin vuole solo restare al potere, mi chiameranno traditore’

Il consigliere presso la missione russa alle Nazioni Unite a Ginevra, Boris Bondarev, ha lasciato il suo incarico e la diplomazia, criticando le azioni di Mosca in Ucraina.

Boris Bondarev afferma che il presidente russo Vladimir Putin avrebbe potuto trascorrere gli ultimi due decenni “sviluppando il paese”, ma invece lo ha trasformato “in una sorta di orrore totale, una minaccia per il mondo” .

Bondarev conosce bene il presidente: ha trascorso la sua carriera a promuovere la politica estera di Putin.

Un diplomatico di medio livello presso la missione russa delle Nazioni Unite a Ginevra, che da ieri è diventato il più importante funzionario russo a dimettersi e a criticare pubblicamente la guerra in Ucraina dall’invasione del 24 febbraio.

Anche se è improbabile che il suo messaggio raggiunga la maggior parte dei russi, dato il dominio statale sui media, le sue dimissioni hanno mostrato che il malcontento si nasconde nella burocrazia russa nonostante la facciata di unità nazionale che il Cremlino ha lavorato per creare.

“Coloro che hanno concepito questa guerra vogliono solo una cosa: rimanere al potere per sempre, vivere in palazzi pomposi, navigare su yacht paragonabili per tonnellaggio e costi all’intera Marina russa, godendo di un potere illimitato e della completa impunità”, ha affermato Bondarev in un’e-mail ai colleghi . “Per raggiungere questo obiettivo sono disposti a sacrificare tutte le vite necessarie”.

“Non posso più condividere questa ignominia sanguinosa, insensata e assolutamente inutile”.

La guerra di Putin, secondo il funzionario, riguardava solo il presidente Putin e la sua voglia di rimanere al potere in un’economia stagnante.

Ma il suo non è soltanto un atto di accusa contro Putin ma si estende a tutta la diplomazia russa: “Mi spiace ammettere che in questi ultimi 20 anni il livello di bugie e di mancanza di professionalità nel lavoro del ministero degli Esteri è sempre cresciuto. Negli anni più recenti, però, questo e’ diventato semplicemente catastrofico”.

Invece per il suo futuro, il signor Bondarev, ha affermato di non avere ancora piani di carriera definitivi. Su LinkedIn, dopo aver pubblicato la sua dichiarazione di dimissioni, ha scritto: “Sono benvenute offerte di lavoro”.