L’età di Obama. Cartolina dagli USA di “SuccedeOggi”.

144

Barack Obama ha festeggiato i suoi sessant’anni. Un’occasione preziosa per riflettere meglio sulla sua parabola alla Casa Bianca: ha rappresentato il sogno di un’America che abbandona i suoi fantasmi. Ma il razzismo, la prassi antidemocratica della destra e Trump hanno cancellato nella violenza.

Il 4 agosto lex presidente americano Barack Obama ha compiuto sessantanni. Divenuto il 44esimo presidente degli Stati Uniti a soli 47 anni è stato il primo presidente afroamericano della storia statunitense. Figlio di madre single bianca e di padre keniota nero ha studiato prima alla Columbia University e poi ad Harvard dove si è laureato in legge. La sua carriera politica si è svolta principalmente a Chicago dove ha lavorato nella comunità nera diventando nel 1996 per otto anni senatore nel parlamento dellIllinois. Sempre a Chicago ha incontrato la moglie Michelle, anchessa avvocatessa, che ha sposato nel 1992 e dalla quale ha avuto due figlie Malia Sasha. Nel 2004 è stato eletto senatore per lIllinois a Washington e nel 2007 ha annunciato che avrebbe corso per le presidenziali del 2008. Divenne presidente quello stesso anno dopo avere battuto entro lo stesso partito democratico, Hillary Clinton, e lavversario repubblicano John Mc Cain.

I suoi due mandati sono stati difficili e sempre in salita, con un partito repubblicano sempre più ostile, aggressivo, che ha praticato un ostruzionismo cieco e pregiudiziale. Le sfide che ha dovuto affrontare sono state molte. Leconomia ufficialmente in recessione precipitò nella crisi del 2008, la peggiore da quella del 29, mentre in politica estera gli Stati Uniti avevano ancora un gran numero di truppe dispiegate in Iraq e in Afghanistan e diversi fronti aperti. Con una House of Representatives a maggioranza democratica nei primi due anni di presidenza Obama è riuscito a varare la tanto discussa riforma sanitaria, quella che va sotto il nome di Obamacare, (tanto criticata dai repubblicani benché Trump non si sia neanche sognato di eliminare, pena una sollevazione popolare) a risollevare leconomia e a far ritirare la maggior parte delle truppe dallIraq. Dopo che i repubblicani hanno guadagnato la maggioranza nella House nel 2010, nonostante defatiganti negoziazioni che hanno ricevuto dinieghi continui tanto che si è perfino parlato di razzismo di ritorno nei confronti del primo presidente nero degli Stati Uniti, Obama non è riuscito a trovare un accordo su tasse, bilancio e deficit.

Alla sua rielezione nel 2012 tentò, anche qui senza successo, di far passare una riforma sullemigrazione e una sul controllo delle armi. La potente lobby NRA tiene in pugno i repubblicani mentre nel frattempo una quantità incredibile di giovani, nella maggior parte neri, continuano a morire, vittime di scontri tra le gang o uccisi dalla polizia. Quante volte abbiamo visto Obama partecipare ai funerali di ragazzini di colore accanto alle madri e ad altri familiari! Lo abbiamo visto anche piangere. Altre volte partecipare o a quelli di altri giovani vittime di quelle forme di follia collettiva che solo un paese che permette la libera circolazione delle armi senza nessuna restrizione si ritrova ad affrontare.

In politica estera Obama ha iniziato un dialogo con la Cina, ha cercato accordi in Medio oriente, ha concluso un importante trattato sulle armi nucleari con lIran e ha aperto a Cuba. Ha puntato molto inoltre sui cambiamenti climatici varando il Climate Action Act che si proponeva di ridurre le emissioni di anidride carbonica nellaria e incrementare fonti alternative di energia.

Continua a leggere

http://www.succedeoggi.it/2021/08/leta-di-obama/