Lettera aperta ai componenti il Parlamento italiano, Deputati e Senatori, in vista delle votazioni per eleggere il Presidente della Repubblica.

223

Fate in modo, scrive Moriconi, che la politica sia sempre l’arte del buon governo.

Cari rappresentanti del popolo italiano, che avete l’onore di rappresentarlo nelle istituzioni deputate ad applicare la Costituzione e a realizzarla là dove ancora non è stata pienamente accolta, perché questa nostra democrazia possa dirsi compiuta, e avete l’onere di impegnarvi ogni giorno della vostra vita in questo servizio, evitateci di assistere ad uno spettacolo indecoroso, che contrasta con il vostro appellativo di “onorevoli”. 

Vi è capitato, non per merito, di esserci in un momento di importanza fondamentale per la Repubblica, l’elezione del nostro Presidente. Avete vissuto una presidenza che ha ridato all’Italia una dignità e una autorevolezza di grande spessore. Alla luce di questa esperienza non potete che rispondere con altrettanta responsabilità e serietà evitando al Paese l’oltraggio di candidature che meriterebbero l’indignazione più profonda, e non una “risata”!

Inoltre evitate di disperdere anche quel patrimonio di alto profilo che è stato il Presidente del Parlamento europeo, David Sassoli. A lui va un pensiero pieno di commozione e riconoscenza.

Cari “Onorevoli” fate in modo che la politica sia sempre l’arte del buon governo.

P.S. Sarebbe auspicabile che corrispondeste alle aspettative dei cittadini e, con il capo sparso di cenere, andaste a chiedere a Mattarella il sacrificio, perché sarebbe un sacrificio, di essere riconfermato al suo alto ruolo. Garantendogli l’elezione al primo voto e con una maggioranza plebiscitaria. Ma questo passo presupporrebbe un amore leale e profondo per il Paese! Chissà!