Lettera aperta alla redazione di Tuttoscuola

Dovreste adoperaVi per fare chiarezza

5065

Spett.le Redazione di TUTTOSCUOLA,
leggo questo articolo … molto articolato su Repubblica On line, in data 27 marzo 2021 e mi permetto scrivervi per capire meglio la situazione chiusura-apertura scuole in zona rossa e oltre.

Per quanto riferisce Repubblica esso si basa su un vostro conteggio.
Sulla base di quali dati, mi chiedo?
L’ O.M. del Ministro della salute del 12 marzo u.s. è tuttora vigente. Ma scade il 29 marzo.
Il Presidente Draghi – nella conferenza stampa del 26/3 – ha parlato di rientro per nidi, scuole infanzia, primarie e primo anno di secondaria di primo grado dopo le vacanze pasquali, anche per le regioni rosse.

Forse nessuno ha però tenuto conto che l’O.M. del Ministro della Salute del 12 marzo vale fino al 29 marzo, appunto per le regioni in zona rossa..
Secondo Voi, senza un nuovo provvedimento formale del Ministro (Ordinanza) , del Presidente del Consiglio (DPCM) o del Governo (Decreto Legge) ….. come potranno comportarsi i Dirigenti Scolastici che come ultimo atto/provvedimento ricevuto hanno sulla scrivania, in bacheca e nel sito di istituto solo la “vecchia” OM di Speranza del 12 marzo?
Decideranno forse scuola per scuola? Vi risulta emanato un indirizzo, un provvedimento ad hoc?

In base a quale atto formale le scuole in zona rossa potrebbero essere ancora chiuse (come sarebbe logico fosse…. per non vanificare i 15 gg di chiusura precedenti) ?
Docenti, alunni, famiglie, dirigenti scolastici aspettano una decisione che nessuno prende.
Consideriamo anche il mix tra decisioni nazionali e scelte a livello regionale: è necessario un coordinamento.

Toccherebbe per continuità al Ministro della Salute prorogare la propria O.M. estendendola ai gg 30 e 31 marzo.
Facciamo riaprire le scuole per due g (mense, trasporti e tutto il resto compreso) e poi le chiudiamo per le vacanze pasquali?
Ogni scuola si sta interrogando su questo problema senza avere una risposta.
Gli istituti scolastici hanno bisogno di informazioni chiare e certe. Possibilmente non all’ultimo minuto.

Il Ministro P.I. si è pronunciato? Sarebbe opportuno visto che si tratta della scuole pubbliche dello Stato.
Il timore è che senza un provvedimento formale che regolamenti la chiusura in zona rossa nei giorni 30 e 31 marzo potrebbe crearsi una situazione caotica, senza tutele per nessuna decisione presa in autonomia.
Come ha detto recentemente il Presidente del CENSIS De Rita occorre distinguere la comunicazione informale dall’informazione ufficiale. La certezza del diritto tutela tutti.
Potreste adoperavi per fare chiarezza? Tutta l’Italia ve ne sarebbe grata. Specie quella in zona rossa.

Sarebbe questo sì un bel SERVIZIO PUBBLICO! Una cosa lodevole!
Lo chiedo a Voi considerata la Vostra indiscussa autorevolezza e facilità comunicativa , attraverso i canali istituzionali del Ministero PI. Spero che nel frattempo qualcuno si ponga questo problema: la forma è sostanza.
Ringrazio per l’attenzione.