Milano, un servizio di consegne a domicilio con mezzi 100% green

I mezzi copriranno una superficie di circa venti chilometri quadrati

464

Tra Porta Romana e Vettabbia parte a Milano la sperimentazione del primo servizio di trasporto merci fatto esclusivamente con mezzi elettrici. Il test durerà fino a dicembre 2020 e prevede l’utilizzo di furgoni totalmente elettrici, oltre a due bici cargo a pedalata assistita, che si occuperanno della logistica dell’ultimo miglio per i clienti degli undici punti vendita della grande distribuzione presenti nell’area, che comprende zone già inserite nel progetto europeo “Sharing Cities”.

I mezzi copriranno una superficie di circa venti chilometri quadrati e serviranno circa 2.000 clienti, per un totale di circa 50.000 consegne annue, di ordini effettuati online o presso i punti vendita, con una particolare attenzione alle esigenze delle persone anziane e di quelle con disabilità. E’ prevista una autonomia di circa 70 ore di viaggio oltre a un risparmio di circa 22 tonnellate di Co2 annue immesse nell’atmosfera.

Il servizio di logistica “green” è sviluppato da For-Services, che si è aggiudicata il bando indetto dal Consorzio Poliedra – Politecnico di Milano, responsabile della misura nell’ambito del progetto Sharing Cities di cui il Comune di Milano è partner.

“Diamo avvio ad una piccola rivoluzione – ha commentato l’assessore alle Politiche per il lavoro, Attività produttive con delega alle Smart City Cristina Tajani – diamo avvio ad una piccola rivoluzione nel complesso mondo della logistica e nel contempo ampliamo le azioni dell’Amministrazione per migliorare la qualità dell’aria in città”. “Si tratta – ha proseguito Tajani – di un progetto che rientra nella più ampia strategia del Comune per fare di questa zona il primo quartiere cittadino a basso consumo energetico rispondendo ad una delle più importanti sfide del nostro tempo: quella del clima. Un sfida resa possibile grazie ai contributi messi a disposizione dall’Europa che siamo stati capaci di intercettare e impiegare”.