Nasce Libertà Civica – Noi Popolari

204

Con un forte richiamo a Toniolo e Sturzo, nasce la Federazione “LIBERTÀ CIVICA-NOI POPOLARI”. Il 3 marzo si è tenuto un convegno online di presentazione. In questo raggruppamento, fedele all’ispirazione cristiana in politica, prevale l’impronta liberale ed europeista. Si può anche dire, in fondo, che in esso opera un elemento di sostanziale distacco dalla complessa esperienza democristiana, come se un certo “ritorno a Sturzo” fosse definibile in assenza di legami con l’eredità degasperiana e morotea. Di seguito riportiamo la parte finale del comunicato stampa che fa il punto sui lavori di questo primo lancio della Federazione.

Con “Libertà Civica – Noi Popolari” uniti da un patto civico di valenza nazionale

Da anni siamo espressioni dinamiche e generative dei territori, e viviamo le nuove centralità dell’era “glaciale” del digitale. Siamo realtà culturali, sociali e di amicizia civica che sono impegnate in rete nella promozione del bene comune. Con Libertà Civica – Noi Popolari oggi siamo uniti in un patto federativo a valenza nazionale, di respiro europeo. Guardiamo con fede e amore all’Italia, addolorata e incerta in questa dura prova della pandemia, e vogliamo rendere possibile e vera un’istanza comune di partecipazione alla vita sociale e politica del nostro Paese. E guardiamo con fede e amore all’Unione Europea, il nostro destino comune, con lo sguardo e l’attenzione esigente di chi ne riconosce l’importanza e il ruolo e chiede nel contempo strategie efficaci e azioni incisive, a favore dell’intera comunità nazionale e internazionale.

Libertà Civica – Noi Popolari – I nostri principi e le nostre scelte

Come Libertà Civica – Noi Popolari – hanno comunicato i fondatori della rete federativa –
assumiamo fino in fondo i valori dell’ispirazione cristiana in politica e della Costituzione
repubblicana. La nostra scommessa esigente è di autentica libertà, che ci allontani dalle cattive pratiche e dagli egoismi di parte, ci metta nella condizione di agire per lo sviluppo integrale dell’uomo e della comunità e sia capace di realizzare tutto questo secondo uno stile di condivisione, di forte sinergia e di efficace collaborazione in rete insieme. Da cittadini, consapevoli dei diritti e dei doveri, con la cura dei progetti e delle relazioni, impegnati a costruire dimensioni nuove di soggettività e di partecipazione al governo delle città e dei territori.

La nostra impresa comune si inserisce nell’alveo di un nuovo popolarismo italiano ed europeo, che unisce in un grande abbraccio costruttivo gli uomini e le donne di buona volontà, umiltà e speranza appartenenti ai luoghi più diversi. Perché, soprattutto oggi, nessuna persona è un’isola, nessuno si salva da solo. Essa pone a suo fondamento il pensiero, l’azione e l’esempio di vita di due luminose personalità del movimento cattolico del nostro Paese, che ne hanno segnato l’intero cammino fino ai giorni nostri: Giuseppe Toniolo e Luigi Sturzo. Proprio in questo 2021 ricordiamo i 50 anni del decreto di eroicità delle virtù del beato Toniolo e i 150 anni dalla nascita di don Luigi Sturzo. Facciamo nostri i loro valori, le loro intuizioni, la forza, il coraggio e la fermezza che hanno segnato la loro opera. La grandezza delle loro visioni e delle loro realizzazioni di vero bene comune, la libertà che ha animato tutto il loro percorso esistenziale.

Una leadership plurale per cambiare insieme

Ripartiamo da qui, dalle sorgenti di un pensiero capace di affrontare le sfide della storia e di realizzare davvero cose nuove, dal riferimento a due figure illustri che sono state esemplari nella loro pienezza di vita umana e cristiana, autentici modelli di “leader” plurali di cui l’Italia oggi ha assolutamente bisogno.

Il primato della persona nella società, nell’economia e in democrazia, la centralità della vita, della famiglia e dei corpi intermedi, il valore dell’autonomia, della sussidiarietà e della cooperazione, la visione e la costruzione di un bene comune liberato dalle cattive pratiche dell’illegalità, della corruzione, dello sperpero di denaro pubblico: tutto questo è parte integrante del loro pensiero e della loro lezione di vita, di straordinaria attualità, ed è acquisito al nostro patrimonio ideale, morale e politico, per la rigenerazione di un Paese che oggi deve anche affrontare le sfide inedite della ripresa demografica, della formazione e del lavoro per le nuove generazioni, di un nuovo modello economico sostenibile, della transizione ecologica e digitale, della salute garantita a tutti, della lotta alla criminalità organizzata, della valorizzazione di cultura, bellezza e turismo, della cooperazione europea rafforzata e della pace a livello internazionale. Libertà Civica – Noi Popolari avvia il cammino, un nuovo inizio per il bene comune, e fa appello a tutti e a ciascuno all’adesione convinta, partecipe, generosa e ricca di umanità, per realizzare insieme le cose nuove che fanno bene all’Italia che amiamo.