Nicaragua: aggrediti da paramilitari il card. Brenes e il nunzio mons. Báez

I presuli sono stati strattonati e insultati. Mons. Báez, come ha annunciato egli stesso su Twitter, è stato ferito al braccio

60

Gravissimo episodio poco fa, in Nicaragua, nel primo pomeriggio del paese sudamericano: militari hanno aggredito verbalmente e fisicamente il card. Leopoldo Brenes, arcivescovo di Managua, il suo ausiliare, mons. José Silvio Báez, e il nunzio apostolico, mons. Waldemar Stanisław Sommertag, nella chiesa di san Sebastiano, a Diriamba. I vescovi, accompagnati da altri sacerdoti dell’arcidiocesi di Managua e da alcuni giornalisti, si erano diretti nella città, oggetto di forti scontri negli ultimi due giorni. In particolare volevano portare aiuto e conforto alle 12 persone che si erano rifugiate nella chiesa di san Bartolomeo, assediata da giorni.

I presuli sono stati strattonati e insultati. Mons. Báez, come ha annunciato egli stesso su Twitter, è stato ferito al braccio e gli è stata strappata la croce pettorale. A un sacerdote che accompagnava i vescovi è stato rubato il cellulare.
I vescovi si erano diretti a Diriamba con un pulmino, come avevano fatto qualche settimana fa per prestare aiuto alla popolazione della città di Masaya.

Articolo già apparso sull’edizione on line di Agensir