Nigeria: I fallimenti del governo lasciano le comunità rurali in balia di uomini armati

La violenza ha costretto molti contadini e le loro famiglie a fuggire

497

Le autorità nigeriane hanno lasciato le comunità rurali in balia di uomini armati che hanno ucciso almeno 1.126 persone nel nord del paese da gennaio.  

L’organizzazione, Amnesty International, ha intervistato civili negli stati di Kaduna, Katsina, Niger, Altopiano, Sokoto, Taraba e Zamfara, che hanno affermato di vivere nella paura di attacchi e rapimenti a causa dell’escalation dell’insicurezza nelle zone rurali. Molti degli intervistati hanno descritto come le forze di sicurezza spesso arrivino ore dopo la fine degli attacchi, anche quando agli agenti sono state fornite informazioni sugli attacchi imminenti. Durante un attacco a Unguwan Magaji, nello stato di Kaduna, le forze di sicurezza sono arrivate sul posto ma se ne sono andate quando hanno visto le munizioni sofisticate che gli aggressori stavano usando. Quando sono tornati, almeno 17 persone erano state uccise. 

Amnesty International ha documentato un’allarmante escalation di attacchi e rapimenti in diversi stati della Nigeria nord-occidentale e centro-settentrionale dal gennaio 2020. I villaggi più colpiti sono i villaggi nel sud dello stato di Kaduna, dove uomini armati hanno ucciso almeno 366 persone in molteplici attacchi tra gennaio e Luglio 2020.  

La violenza ha costretto molti contadini e le loro famiglie a fuggire dalle proprie case. Nello stato di Katsina, almeno 33.130 persone sono ora in campi profughi e altre sono andate a stare con i parenti nelle aree urbane. Migliaia di agricoltori così non hanno potuto coltivare le loro fattorie durante la stagione delle piogge del 2020 a causa della paura di attacchi o rapimenti.