PRIMARIE PD LAZIO Gregori, “non sono escluse ma prima costruiamo il programma e la coalizione”. 

1077

La dichiarazione del Presidente dell’Assemblea regionale del PD, qui riproposta integralmente, rafforza l’approccio pragmatico alla questione delle primarie per la scelta del candidato alla successione di Zingaretti. Intanto sono pronti al confronto nei gazebo due esponenti di peso della Giunta regionale: Daniele Leodori, Vice Presidente, e Alessio D’Amato, Assessore alla sanità. Andranno fino in fondo? Il partito s’interroga sulla soluzione migliore. Soprattutto Base Riformista, la corrente di Gregori, invita a non irrigidire le posizioni. 

 

Abbiamo fatto un grande lavoro in questi anni come Partito Democratico del Lazio, puntando molto sull’ascolto e il confronto incentrato sulla condivisione delle scelte  con le Federazioni Provinciali, il mondo associativo, sociale e produttivo, che insieme al grande lavoro fatto dalla Giunta Zingaretti, ci darà la forza per costruire un grande progetto per il futuro. In questi giorni stiamo lavorando alla costruzione della coalizione per le elezioni regionali del 2023, strutturando le 10 idee per il Lazio del futuro. Una coalizione ampia che lavora di settimana in settimana per arrivare a metà luglio con le idee chiare su cosa proporre in condivisione. Solo dopo la costruzione di questa carta dei valori, si decideranno le modalità di scelta per la candidata o il candidato Presidente. 

 

Le primarie sono previste dal nostro statuto e sono uno strumento, anzi lo strumento democratico per eccellenza, che fa ed ha fatto sempre la differenza nel Partito Democratico. Abbiamo approvato un documento poche settimane fa in Direzione Regionale, all’unanimità, dove si dice che nel solco della costruzione della coalizione e per la scelta della candidata o candidato Presidente, non sono escluse le primarie. La sana competizione fa parte della democrazia e deve assolutamente essere vista come un valore aggiunto. Ma ripeto, prima la coalizione, la condivisione delle 10 idee per il Lazio del futuro e poi insieme decideremo la strada migliore da percorrere, in condivisione e con responsabilità.

 

Fonte: Agenzia DIRE – 7 luglio 2022.