Salario minimo: il 22% ha una retribuzione oraria inferiore a 9 euro lordi

Fissando la soglia del salario minimo a 9 euro lordi l'ora ci sarebbero 2,9 milioni di lavoratori che avrebbero un incremento

113

Il 22% dei lavoratori dipendenti delle aziende private (sono esclusi gli operai agricoli e i domestici) ha una retribuzione oraria inferiore a 9 euro lordi, ovvero sotto la soglia individuata da uno dei disegni di legge sul salario minimo in discussione al Senato. Lo rivela l’Inps, sottolineando inoltre che il 9% dei lavoratori è al di sotto degli 8 euro orari lordi, mentre il 40% prende meno di 10 euro lordi l’ora. I dati sono contenuti in una memoria depositata in Commissione Lavoro al Senato.

Fissando la soglia del salario minimo a 9 euro lordi l’ora ci sarebbero 2,9 milioni di lavoratori che avrebbero un incremento medio annuo di retribuzione di 1.073 euro. La stima è dell’Istat: sarebbe coinvolto il 21% dei lavoratori dipendenti con un aumento stimato del monte salari complessivo – l’aggravio cioè del costo del lavoro per le imprese – di 3,2 miliardi di euro.