Scongiuriamo l’alternativa tra Orbán e gli sciamani della nuova antropologia. Anche la base popolare del Pd resiste a questa semplificazione deleteria.

Lo scontro può mettere fine alle ultime forme, storicamente elaborate e consolidate, di “tenuta a destra” del sistema politico a egemonia democristiana. Non può essere, in fine dei conti, il “Fedez pensiero” la bandiera della modernità agitata dalle forze democratiche e popolari.

388

Lo scontro può mettere fine alle ultime forme, storicamente elaborate e consolidate, di tenuta a destradel sistema politico a egemonia democristiana. Non può essere, in fine dei conti, il Fedez pensierola bandiera della modernità agitata dalle forze democratiche e popolari.

Speriamo di non essere costretti a scegliere tra Fidesze Fedez. La scelta sarebbe drammatica e non affatto scontata. Lo dico come democratico cristiano da sempre impegnato nel centro-sinistra.

Le due prospettive – tutte e due esiziali per il futuro – sono oggettivamente uguali e contrarie. Sono ambedue la negazione della politica e della sua vocazione ad accompagnare con responsabilità il popolo nei passaggi epocali di trasformazione.

La prima – la dottrina Orban – pensa di risolvere le sfide della nuova modernità attraverso la esibizione autoritaria dei valoridella tradizione, in primis quelli cristiani.

La seconda – quella della sinistra dei dirittiche tifa Fedez – pensa che queste sfide si possano vincere rendendo assoluta la percezione di ogni diritto del singolo ed esigendo che ad ogni percezione di diritto corrisponda una tutela pubblica.

La prima rende i principi della comunità” uno strumento di chiusura e di difesada tutto ciò che è “diverso. La seconda semplicemente ignora questi principi ed il loro portato di solidarietà, di condivisione e di doveri. Temo che se prossimamente il Paese si troverà a scegliere tra queste due suggestioni, sceglierà la prima.

Sarebbe linizio di un ciclo culturale e politico di non breve momento. La barriera a destrache la DC ha storicamente mantenuto, a garanzia del processo evolutivo e non regressivo della vita democratica, verrebbe travolta.

E non già sul piano dei semplici equilibri elettorali, ma su quello della architettura strutturale del sentire popolare.

Può essere il Fedez pensierolalternativa a questa temuta (e verosimile) deriva?

No. Non può essere.

Ma di fatto è quello che lentamente sta avvenendo. Meglio dunque lasciare rapper ed influencer vari alle loro lucrose attività private e tenere a bada estremisti e sciamani della nuova antropologia imposta per via mediatica e giudiziaria.È questione che riguarda tutti quelli che non vogliono assistere ad una deriva ungheresedel nostro Paese.

Spero che il PD, dal suo punto di vista, se ne renda conto ed ascolti le opinioni largamente diffuse tra laltro nella sua stessa base popolare.