Spacciatori di cultura a Scampia

"Si chiama La Scugnizzeria, ovvero la casa degli scugnizzi, i ragazzi di strada"

446

“Si chiama La Scugnizzeria, ovvero la casa degli scugnizzi, i ragazzi di strada”. Così Rosario Esposito La Rossa (classe 1988), primo libraio del quartiere all’estrema periferia nord di Napoli nonché responsabile delle case editrici Marotta&Cafiero e Coppola editore.

Ma cosè la Scugnizzeria?

E’ la Casa degli Scugnizzi, un luogo dove la porta è sempre aperta. 140 mq di rivoluzione in periferia, tra Scampia e Melito. La Scugnizzeria è una moltitudine, è una bottega, un bazar, una Piazza di Spaccio Creativa. La prima enolibreria dell’area nord di Napoli.

Una sala polifunzionale, uno spazio teatrale professionalmente attrezzato. Un luogo dov’è possibile organizzare presentazioni di libri, cineforum, mostre fotografiche. Un centro di formazione per giovani del territorio con wifi gratuito, postazioni pc, teli chroma key per registrare Made in Scampia News – Il Tg delle Belle Notizie, un’area insonorizzata per registrare audiolibri e i podcast di Radio Scugnizzi.

Ma è anche l’Ospedale dei Libri, un laboratorio di restauro di libri per l’infanzia. Un luogo dove si riparano i libri, si aggiustano le storie. Un orfanotrofio per volumi destinati al macero. C