Spagna: il governo chiederà al Vaticano l’autorizzazione per riesumare i resti di Franco

Nonostante tale ostacolo, però, il governo ha assicurato che non cederà rispetto al suo proposito

167

Dopo il rifiuto incassato dal priore Santiago Cantera, il governo spagnolo si rivolgerà direttamente al Vaticano per chiedere l’autorizzazione ad accedere alla Valle dei Caduti e riesumare i resti del dittatore Francisco Franco, uno dei cavalli di battaglia della sua campagna a sostegno della memoria storica. Lo riferisce il quotidiano “El Pais”, sottolineando che l’Arcidiocesi di Madrid avrebbe invece deciso di non prendere posizione, limitandosi a dichiarare di non essere contraria al trasferimento delle spoglie salvo, però, il via libera da parte della famiglia del generale.

Il priore, ricorda il giornale, ha inviato lo scorso dicembre alla Moncloa una lettera con la quale ha respinto la richiesta avanzata dal ministro delle Finanze, Dolores Delgado, sollevando le ire del governo che, tuttavia, non sarebbe stato colto completamente alla sprovvista. Con una dichiarazione ufficiale, l’esecutivo di Pedro Sanchez ha infatti ammesso di essere a conoscenza da tempo delle posizioni di Cantera e ha lamentato il suo atteggiamento radicale e il suo passato politico.

Nonostante tale ostacolo, però, il governo ha assicurato che non cederà rispetto al suo proposito e percorrerà ogni strada pur di trasferire il corpo del dittatore dal luogo sacro ed emblematico per la storia della Spagna.