Su “La Voce del Popolo”, settimanale della diocesi di Brescia, il ricordo di Martinazzoli.

135

Con il titolo di Mino e il laico Concilio mancato della Dclarticolo, a firma dellex parlamentare e attuale commentatore politico, propone questa succinta e interessante considerazione sullultimo segretario della Dc.

Sono passati 10 anni, proprio in questi giorni, dalla scomparsa di Mino Martinazzoli.

Dieci anni che non hanno offuscato il suo ricordo, né sottratto una paradossale attualità alle sfide che egli si trovò ad affrontare, a perdere e a veder poi rifulgere. Sì, perché va riconosciuto con onestà che la sua grande sfida quella per il ripensamento della Dc egli non la vinse. E anzi portò dentro una battaglia quasi impossibile il suo tormento di pensatore e la sua nobiltà di servitore dello Stato.

Ma non poté capovolgere il verso della storia. Di questo esito, molti hanno dato colpa a lui. Perché poco assertivo, poco disinvolto, poco fortunato, poco al passo coi tempi. Eppure erano proprio queste le sue paradossali qualità. Di essere appunto un uomo che evitava di gettarsi a capofitto nel dirupo delle parole dordine più facili e preferiva semmai cimentarsi con le difficoltà che la sua ambizione ideale gli poneva davanti.

Socrate diceva dei politici ateniesi: Li incalza lacqua che scorre nella clessidra. Fatto sta che al momento della leadership martinazzoliana lacqua era già scesa quasi tutta e la clessidra stava per rovesciarsi. Per questo, molti lo hanno raccontato come il Celestino V della storia democristiana.

Continua a leggere

https://www.lavocedelpopolo.it/opinioni/mino-e-il-laico-concilio-mancato-della-dc