Ucoii: “apprensione e preoccupazione per l’incremento esponenziale della xenofobia”

L’incremento esponenziale di episodi di aggressioni fisiche a sfondo razzista ci porta ad unire la nostra voce di denuncia assieme a quella di tanti italiani

156

“Grande apprensione e preoccupazione”. È quanto esprime l’Unione delle comunità islamiche d’Italia (Ucoii) in una nota relativa ai fatti di cronaca riportati questi ultimi giorni dalla stampa nazionale contraddistinti da razzismo e xenofobia.

“L’incremento esponenziale di episodi di aggressioni fisiche a sfondo razzista ci porta ad unire la nostra voce di denuncia assieme a quella di tanti italiani. Ci uniamo in particolare alla voce del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, nel definire tutto questo una inaccettabile barbarie; invocando un intervento rapido del Governo, delle Istituzioni, delle comunità religiose e di tutte le organizzazioni della società civile al fine di arginare questi preoccupanti episodi”.

Secondo l’Ucoii, “in periodi come questi è necessario essere responsabili e non reagire alle provocazioni, o rispondere alla violenza con altra violenza”. “Riponiamo la nostra piena fiducia nelle forze dell’ordine e nella giustizia che sapranno perseguire ogni colpevole e garantire l’incolumità di tutti i cittadini”, prosegue la nota, nella quale si evidenzia che “questi episodi xenofobi non devono minare la convivenza civile e il mutuo rispetto, valori alla base della nostra società odierna sempre più plurale”.

“Siamo tutti chiamati quindi ad agire ripristinando il clima di pacifica convivenza e di comunità inclusiva che ha sempre contraddistinto la cultura del nostro Paese”. “Come comunità religiosa – conclude l’Ucoii – preghiamo per le vittime di questi episodi e preghiamo affinché il nostro Paese ritrovi la sua serenità”.